( La Provincia Pavese)

Le difficoltà dell’Ospedale Civile di Vigevano sono da tempo conosciute e conosciuti sono i rischi, concreti, di perdere unità importanti come l’emodinamica e il punto parto in Ginecologia che lavora sottorganico da tempo. Le nomine “politiche”, e fra queste quella del Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera, Troiano, sono causa importante di queste difficoltà. Da anni sappiamo e spesso lo abbiamo gridato, quasi inascoltati, in particolare dai  partiti maggiori. La Lega, che ha in Maroni l’attuale reggente della Sanità lombarda tace; Forza Italia, non ha mai detto o fatto nulla, prona ai desiderata prima di Abelli e poi di Mantovani, ex assessore alla Sanità, attualmente detenuto. E il PD? Il PD  si appiattisce dietro al consigliere regionale Villani, notoriamente espertissimo di Sanità,  tutto teso a difendere l’Ospedale di Voghera, da sempre privilegiato dalle politiche abelliane e ora, come quest’ultimo, un poco in difficoltà ma pur sempre più considerato del nosocomio vigevanese. 

Allora, cari concittadini, noi abbiamo manifestato, ci siamo battuti ma non bastiamo e ve lo ripetiamo: i veri problemi della città sono questi e non 70 rifugiati in (nemmeno certo) arrivo alla Croce Rossa, con cui cercano di distrarvi. 
E’ ora che vi svegliate ed è ora, soprattutto, che chiediate conto di tutto questo ai partiti che avete votato perchè una volta spariti questi servizi non li rivedrete più.