Altro che alzare l’asticella della sua Amministrazione sui problemi della città: il Sindaco Sala le asticelle non le salta, ci passa sotto e l’operazione Colombarola è in ordine di tempo l’ultima dimostrazione di questa tecnica.
Essa è il frutto di una scelta urbanistica effettuata anni fa che, a causa della crisi sembrava fortunatamente dimenticata. Come normale però, l’operatore privato deve per forza mettere a frutto il suo investimento e si accinge a farlo facendo valere i diritti che gli derivano dalla convenzione firmata con il Comune.

Certo, per rendere davvero appetibile l’investimento dei privati occorrerà ancora uno sforzo da parte del Comune che dovrà venire incontro alle richieste che perverranno, alzando, come ha detto il Sindaco, le asticelle ovvero chiedendo più soldi. 
Il Polo Laico da anni chiede al Sindaco di alzare le asticelle ma quello che vediamo non è niente di tutto questo.

Chiedere soldi per un parcheggio, perché questo farà il Sindaco Sala, in una città quotidianamente violentata nella bellezza del suo centro storico e costantemente svilita nelle sue periferie non significa alzare le asticelle, significa mendicare.

Vigevano inizi piuttosto a ragionare diversamente e, pur se in questa occasione dovrà subire un intervento che devasta un paesaggio lasciatoci in eredità dai Duchi di Milano, pagando un alto prezzo in termini di violenza al territorio, chieda che in cambio del cemento l’operatore privato diventi partecipe di un atto significativo.

Come? Attrezzando la superficie comunale della Brughiera ad area verde utilizzabile per eventi. Trasformi un brutto spazio in un luogo di bellezza ma anche di funzionalità che possa accogliere eventi di richiamo e tutto ciò che settimanalmente vìola la Piazza Ducale o il Castello.

Ci si aggiunga il “palco del Papa” degli architetti Lopez e Ora ddo ad aumentare la resa estetica e funzionale di questo progetto e allora sì che il nostro poco atletico Primo Cittadino avrà saltato l’asticella invece di continuare a passarci sotto, con un intervento che finalmente andrebbe a definire una strategia ben chiara: il recupero delle periferie e un ritorno verde per la città.
Per il Polo Laico alzare le asticelle significa rispettare Vigevano e progettarla per il futuro, non svenderla per quattro soldi. E questo chiediamo che il Sindaco e la sua Amministrazione facciano.

 Guarda il video sul nostro canale YouTube: https://www.youtube.com/watcuh?v=YxHhhZjSsaU