Polo Laico

Cultura Idee Lavoro

Il Progetto

Da oltre quindici anni PLAC! POLO LAICO  ASSOCIAZIONE CULTURALE riveste un ruolo centrale nelle discussioni che mirano  allo sviluppo di una nuova cultura  fra i cittadini. Attraverso pololaico.orgpotrai seguire i nostri interventi e le nostre iniziative. Al sito si affianca il nostro blog e le piattaforme social Facebook, Twitter e Youtube per aggiornarti sulle nostre attività e le nostre proposte per lo sviluppo di Vigevano, la nostra città, che sogniamo possa diventare la Città di tutti.

Vigevano ha da tempo perso la sua identità e la sua peculiarità di città viva, progettuale, aperta e solidale. Per ritrovare una collocazione e una prospettiva di futuro che riporti ricchezza e benessere, occorre ripensare il modo di fare politica e intraprendere con decisione la strada della partecipazione diretta dei cittadini alla discussione degli argomenti e alle scelte. Per noi occorre cominciare con il decidere quale tipo di Città diventare.

PLAC! Polo Laico Associazione Culturale si rende  parte attiva nel processo di rilancio di una città ferma da troppo tempo:  Vigevano deve reimmaginarsi e rendersi attrattiva e sperimentatrice, deve sviluppare nuovi temi capaci stimolare le imprese e rendere appetibile il nostro territorio.

Cerniera fra Milano, Pavia, Novara e Vercelli, una città come la nostra deve divenire consapevole della sua multidisciplinarità, con tante diverse sfaccettature potenzialmente in grado di creare opportunità e di frenare l’emorragia di capacità che attualmente vengono assorbite dalla metropoli milanese.

Industria, agricoltura, cultura, beni architettonici, natura, enogastronomia: in tutti questi settori è  necessario fare rete, fra le imprese e l’Amministrazione e sul territorio, per condividere le progettualità in grado di portare il sistema fuori dalla crisi.

Ogni cittadino dovrebbe sentire questi momenti come una chiamata a donare alla sua città parte delle sue energie, delle sue idee, del suo tempo.

Se vuoi portare il tuo contributo per il rilancio della tua città, contattaci!

In questo tempo siamo stati prima all’opposizione, denunciando soli le “strane manomissioni” del Piano Regolatore dove terreni agricoli diventavano edificabili un giorno sì e l’altro no. Nella legislatura successiva il Polo Laico entrò in maggioranza a causa  della difficile situazione in cui la giunta precedente aveva precipitato la Città;  abbiamo condotto battaglie riportando a mensa molti ragazzi esclusi, abbiamo restituito i pasti a domicilio ai nostri anziani, abbiamo urlato contro l’impoverimento del nostro Ospedale dando voce a chi dall’interno non riusciva a farsi ascoltare, abbiamo chiesto e ottenuto il ricambio dei vertici e il rilancio della Multiservizi, abbiamo proposto partecipazione e condivisione degli interventi sul Centro Storico e in altre aree della città e durante il cammino abbiamo purtroppo dovuto constatare la mancanza di un’idea complessiva e di progetti strategici per il futuro della nostra città.

Oggi riteniamo sia nostro dovere, da ormai storica voce politica cittadina, proporci, con i fatti, come motore di un progetto il più possibile condiviso con la cittadinanza che porti Vigevano fuori da una stagnazione ultradecennale che sembra non interessare le forze politiche tradizionali, costantemente tese alla ricerca e alla conferma del consenso, senza produzione di strategie e di programmi volti a risollevare la Città.

VIGEVANO CERNIERA FRA TERRITORI

Vigevano ha, in questi anni, perso la sua identità e la sua peculiarità di Città viva, progettuale, aperta e solidale. Per ritrovare una sua collocazione e una prospettiva di futuro che riporti ricchezza e benessere, deve innanzitutto decidere quale tipo di Città vuole diventare.

Di certo, una volta stabiliti obiettivi e traguardi, occorreranno ben più dei cinque anni di una amministrazione per raggiungerli. Noi crediamo che Vigevano abbia in sé grandi potenzialità inespresse da affiancare alla tradizionale struttura industriale che da tempo caratterizza la storia e l’economia della Città. Le ricchezze di Vigevano, da troppi anni solo sulla carta, sono certamente la Piazza Ducale e il Castello ma anche tutto il resto del Centro Storico, la Sforzesca con il Colombarone. Un patrimonio europeo che, attraverso iniziative ed offerte culturali e commerciali di alto livello, va trasformato in concreta risorsa economica per il futuro della Città. Lo stesso dicasi per il Ticino, grande polmone verde alle porte della Città e soprattutto alle porte della grande area metropolitana milanese, follemente urbanizzata con conseguente perdita di quella “misura d’uomo” che è invece ancora un tratto caratteristico del vivere vigevanese. La Lomellina, zona agricola e di pregio naturalistico, potenzialmente importante per la vasta area metropolitana e che dobbiamo cominciare a considerare come nostra preziosa e naturale alleata in una prospettiva di crescita e sviluppo.

Proprio il dibattito iniziato e poi inceppatosi nelle maglie della politica nazionale e regionale sull’ingresso di Vigevano nella Città Metropolitana di Milano, permette di sviluppare un nuovo concetto: Vigevano deve proporsi come poliedrica cernierafra realtà differenti quali le aree del Novarese, del Vercellese, del Pavese e del Milanese. Vigevano deve necessariamente guardare a un territorio che comprende la Lomellina e l’Abbiatense, con il quale condivide una nuova vocazione turistica e culturale, e al quale può apportare anche tutte le prerogative di città industriale che il tempo ha ridimensionato ma non estinto.

IL VALORE DI UNA CITTA’ SOLIDALE

Ma i temi non si esauriscono certamente qui. La necessità di riscostruire un tessuto sociale solidale attraverso nuove forme di vicinanza fra Amministrazione e povertà, con il coinvolgimento delle Associazioni e dei singoli cittadini è un altro del grandi temi che affronteremo. Inoltre riteniamo fondamentale incentivare la partecipazione e la condivisone delle idee con la Città e il coinvolgimento dei ragazzi che oggi rifiutano una politica che non riescono a comprendere, che non li stimola e non li coinvolge, che non si sentono più appartenenti a una collettività ma ad un insieme di singoli privo di progettualità e di solidarietà. Ragazzi che per loro stessa natura rivestono il ruolo di innovatori, di sperimentatori e che proprio per questo non devono essere lasciati ai margini. Vogliamo creare una città in cui sia ben visibile il rapporto di partecipazione e di ascolto costruttivo fra i cittadini e chi amministra per arrivare a realizzare una comunità solidale che includa anziché escludere. Solo così, con la collaborazione di tutti, nessuno escluso, Vigevano può tornare al livello di benessere che storicamente le compete.

Ecco perché ci appelliamo a tutti i concittadini, alle altre forze politiche, alle associazioni che condividono la nostra impostazione e che comprendono quanto sia necessario sottoscrivere uniti questa sorta di patto per la Città e cominciare a lavorare tutti nella stessa direzione, con lucidità e programmazione. E’ però evidente che questa cambio di passo può avvenire solo a condizioni che si smetta una volta per sempre di perseguire, in grande, gli interessi delle solite lobbies di potere, ma anche, in piccolo, il personale interesse di ciascuno di noi, distorsioni del vivere collettivo che da sempre frenano lo sviluppo dell’Italia e della nostra Città.

Noi la politica la facciamo diversa. Noi siamo il Polo Laico.

 

Annunci
Crea il tuo sito web su WordPress.com
Inizia ora
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: